flatlandpiper.de

Complesso, archetipo, simbolo nella psicologia di C. G. Jung - Jolande Jacobi

DATA DI RILASCIO 06/04/2017
DIMENSIONE DEL FILE 11,94
ISBN 9788833928760
LINGUAGGIO ITALIANO
AUTRICE/AUTORE Jolande Jacobi
FORMATO: PDF EPUB MOBI
PREZZO: GRATUITA

Vuoi leggere il libro? Complesso, archetipo, simbolo nella psicologia di C. G. Jung in formato pdf? Bella scelta! Questo libro è stato scritto dall'autore Jolande Jacobi. Leggere Complesso, archetipo, simbolo nella psicologia di C. G. Jung Online è così facile ora!

Puoi scaricare il libro Complesso, archetipo, simbolo nella psicologia di C. G. Jung in formato pdf epub previa registrazione gratuita

Un'attività scultorea esercitata sulle cristallizzazioni del «magma incandescente» delle «esperienze interiori»: è la celebre metafora con cui C. G. Jung qualificò la propria attività scientifica. Per più di mezzo secolo, e in migliaia e migliaia di pagine, cesellò le forme concettuali tratte da quell'originaria incandescenza. Del loro riordino chiarificatorio - necessario anche per sciogliere «gravi malintesi» e sfatare i «pregiudizi» dei critici - s'incaricò una delle più strette collaboratrici di Jung, Jolande Jacobi. Questo saggio è il risultato di un'impresa espositiva che ottenne il plauso del maestro. Grazie a Jolande Jacobi viene in luce la fitta tessitura che connette le tre nozioni capitali del pensiero junghiano: il complesso individuale, l'archetipo universale e impersonale e il simbolo in cui l'energia psichica dell'archetipo si manifesta. Dissipati i vecchi fraintendimenti, oggi abbiamo modo di apprezzare la modernità di aspetti della teoria qui meritoriamente illustrati, come il ruolo svolto dai complessi, la cui molteplicità contraddittoria è costitutiva della psiche stessa. Paragonati da Jung a «folletti» ossessivi e possessivi che disturbano e ostacolano l'azione di «adattamento della coscienza», appaiono così imprescindibili da rendere pressoché sinonimiche le espressioni «psicologia analitica» e «psicologia dei complessi». Se n'era accorto subito anche Freud, che aveva via via rinunciato a parlare di «complesso», imputandogli quella duttilità che adesso ci sembra tanto attuale.

......